Blog

Blog

Lei è fuori come un balcone abusivo costruito a Napoli - una di quelle escrescenze cancerogene inasportabili. Cionondimeno, è una figa inenarrabile. Bella piena, carnosa. Penso che una delle gioie più grandi in questo miserabile e schifoso universo sia schiaffarle una sonora manata in culo...
Lei è fuori come un balcone abusivo costruito a Napoli - una di quelle escrescenze cancerogene inasportabili. Cionondimeno, è una figa inenarrabile. Bella piena, carnosa. Penso che una delle gioie più grandi in questo miserabile e schifoso universo sia schiaffarle una sonora manata in culo...
  1. 17E4B364-E4CD-45FB-BF95-80FEB730BFE1.jpeg





    Lei è fuori come un balcone abusivo costruito a Napoli - una di quelle escrescenze cancerogene inasportabili. Cionondimeno, è una figa inenarrabile. Bella piena, carnosa. Penso che una delle gioie più grandi in questo miserabile e schifoso universo sia schiaffarle una sonora manata in culo... Beh, l'avete capito, me la farei a scoppio per diciotto ore, solo per poi ricominciare. Quando una è una gran topa è una gran topa, punto.




    Detto ciò, la seguo su Twitter, oltre che per vedere le foto da nuda - quella vagina non è normale, non può avere l'aria di un dolce nella vetrina di un dannato pasticcere -, per leggere i suoi surreali dialoghi con gli utenti del social.




    L'undici settembre, nel famoso anniversario, ne ha detta una fantastica, che ha mandato in palla le nazifemministe, le quali - che strano - la volevano segnalare per farle chiudere l'account. "A 12 anni vidi un ragazzo masturbarsi in auto in mezzo al traffico. Io ero a piedi e gli passai di fianco. All'epoca avevo appena cominciato a masturbarmi e la cosa mi eccitò. Io non capisco perché ci siano le aree fumatori ma non le aree per fare sesso o masturbarsi".




    Premesso che già il pensiero che lei si ecciti guardando uno che si masturba mi eccita - scusate la contorsione, ma sono un maiale dalle intricate circonvoluzioni mentali -, bisogna dire che non ha tutti i torti. O meglio: lei è una donna proprio malata, ma in un'ottica progressista ha ragione - perlomeno, molto più delle femministe che la criticano.




    In un mondo in cui andare a culo fuori è consentito - e non ti deve indignare, altrimenti sei un retrogrado -, la verginità prematrimoniale è una stronzata, puoi vendere le foto di nudo su Onlyfans, e via pecoreggiando, che cazzo, anche io, maschio, devo avere i miei diritti. Se degrado deve essere, porca troia, voglio la mia parte.




    Se una come Valentina può andare in spiaggia a tette fuori e buco del culo tra il vedo e non vedo, perché io non posso tirarmi fuori il cazzo e, guardandola, farmi una sega a due mani, santo cielo?
    Perché lei può provocare in luogo pubblico e io non posso avere un'erezione e liberarmi in estatica contemplazione? Mi sembra ingiusto. Abbiamo detto che non c'è niente di male nell'eccitazione, o sbaglio? Una donna deve essere libera... E io? Perché, se lei può mostrarsi, io non posso masturbarmi? Invece, non puoi nemmeno dire a un figone adagiata mezza nuda sulla sabbia un “ciao” che subito accorre la buoncostume femminista. Ha ragione la Nappi, in tal senso: "Non voglio mettere sullo stesso piano un 'ciao bella dove vai' e una mano sul culo da parte del boss".




    Io sono ancora più estremo: se vogliamo la libertà, che sia vera, a più ampio raggio. Perché devo stare lì, sull'asciugamano da mare, a sentirmi friggere le palle, in questo eterno preambolo di un porno mai iniziato? Tu puoi stare nuda e io, col cazzo in mano, posso far quel che mi pare. Parità di diritti: tu nuda, io nudo e ognuno fa quel che vuole col suo organo sessuale.




    Da questo punto di vista, meglio la Nappi delle femministe puttan-suore e fighe di legno. Altrimenti, è progressismo per una sola parte, mentre l'altra non può nemmeno guardare... Col cazzo!




    Matteo Fais




    L’AUTORE




    MATTEO FAIS
    nasce a Cagliari, nel 1981. È scrittore e agitatore culturale, fondatore, insieme a Davide Cavaliere, di “Il Detonatore”. Ha scritto per varie testate (“Il Primato Nazionale”, “Pangea”, VVox Veneto”). Ha pubblicato i romanzi L’eccezionalità della regola e altre storie bastarde e Storia Minima, entrambi per la Robin Edizioni. Ha preso parte all’antologia L’occhio di vetro: Racconti del Realismo terminale uscita per Mursia. A ottobre, sarà nelle librerie il suo nuovo romanzo, Le regole dell’estinzione, per Castelvecchi.
    Di Più…
  2. 17E4B364-E4CD-45FB-BF95-80FEB730BFE1.jpeg





    Lei è fuori come un balcone abusivo costruito a Napoli - una di quelle escrescenze cancerogene inasportabili. Cionondimeno, è una figa inenarrabile. Bella piena, carnosa. Penso che una delle gioie più grandi in questo miserabile e schifoso universo sia schiaffarle una sonora manata in culo... Beh, l'avete capito, me la farei a scoppio per diciotto ore, solo per poi ricominciare. Quando una è una gran topa è una gran topa, punto.




    Detto ciò, la seguo su Twitter, oltre che per vedere le foto da nuda - quella vagina non è normale, non può avere l'aria di un dolce nella vetrina di un dannato pasticcere -, per leggere i suoi surreali dialoghi con gli utenti del social.




    L'undici settembre, nel famoso anniversario, ne ha detta una fantastica, che ha mandato in palla le nazifemministe, le quali - che strano - la volevano segnalare per farle chiudere l'account. "A 12 anni vidi un ragazzo masturbarsi in auto in mezzo al traffico. Io ero a piedi e gli passai di fianco. All'epoca avevo appena cominciato a masturbarmi e la cosa mi eccitò. Io non capisco perché ci siano le aree fumatori ma non le aree per fare sesso o masturbarsi".




    Premesso che già il pensiero che lei si ecciti guardando uno che si masturba mi eccita - scusate la contorsione, ma sono un maiale dalle intricate circonvoluzioni mentali -, bisogna dire che non ha tutti i torti. O meglio: lei è una donna proprio malata, ma in un'ottica progressista ha ragione - perlomeno, molto più delle femministe che la criticano.




    In un mondo in cui andare a culo fuori è consentito - e non ti deve indignare, altrimenti sei un retrogrado -, la verginità prematrimoniale è una stronzata, puoi vendere le foto di nudo su Onlyfans, e via pecoreggiando, che cazzo, anche io, maschio, devo avere i miei diritti. Se degrado deve essere, porca troia, voglio la mia parte.




    Se una come Valentina può andare in spiaggia a tette fuori e buco del culo tra il vedo e non vedo, perché io non posso tirarmi fuori il cazzo e, guardandola, farmi una sega a due mani, santo cielo?
    Perché lei può provocare in luogo pubblico e io non posso avere un'erezione e liberarmi in estatica contemplazione? Mi sembra ingiusto. Abbiamo detto che non c'è niente di male nell'eccitazione, o sbaglio? Una donna deve essere libera... E io? Perché, se lei può mostrarsi, io non posso masturbarmi? Invece, non puoi nemmeno dire a un figone adagiata mezza nuda sulla sabbia un “ciao” che subito accorre la buoncostume femminista. Ha ragione la Nappi, in tal senso: "Non voglio mettere sullo stesso piano un 'ciao bella dove vai' e una mano sul culo da parte del boss".




    Io sono ancora più estremo: se vogliamo la libertà, che sia vera, a più ampio raggio. Perché devo stare lì, sull'asciugamano da mare, a sentirmi friggere le palle, in questo eterno preambolo di un porno mai iniziato? Tu puoi stare nuda e io, col cazzo in mano, posso far quel che mi pare. Parità di diritti: tu nuda, io nudo e ognuno fa quel che vuole col suo organo sessuale.




    Da questo punto di vista, meglio la Nappi delle femministe puttan-suore e fighe di legno. Altrimenti, è progressismo per una sola parte, mentre l'altra non può nemmeno guardare... Col cazzo!




    Matteo Fais




    L’AUTORE




    MATTEO FAIS
    nasce a Cagliari, nel 1981. È scrittore e agitatore culturale, fondatore, insieme a Davide Cavaliere, di “Il Detonatore”. Ha scritto per varie testate (“Il Primato Nazionale”, “Pangea”, VVox Veneto”). Ha pubblicato i romanzi L’eccezionalità della regola e altre storie bastarde e Storia Minima, entrambi per la Robin Edizioni. Ha preso parte all’antologia L’occhio di vetro: Racconti del Realismo terminale uscita per Mursia. A ottobre, sarà nelle librerie il suo nuovo romanzo, Le regole dell’estinzione, per Castelvecchi.
    Di Più…
  3. Prova di post, Mourinho, Juventus, vediamo se va, Forza Roma, il Napoli, Paolo Del Genio
    Di Più…
  4. Il Napoli 10
    Di Più…
  5. Il Napoli 9
    Di Più…
  6. Il Napoli 8
    Di Più…
  7. Il Napoli 7
    Di Più…
  8. Il Napoli 6
    Di Più…
  9. Il Napoli 5
    Di Più…
  10. Il Napoli 4
    Di Più…
  11. Il Napoli 3
    Di Più…
  12. Il Napoli 2
    Di Più…
  13. Il Napoli 1
    Di Più…
  14. Paolo Del Genio, il Napoli, Covid, vaccini, Raffaele Auriemma, sul Napoli
    Di Più…

Blog

Alto